Dettaglio news

Convegno nazionale sul sistema autobus: Asstra chiede investimenti immediati per rinnovare la flotta

Nell'ambito del convegno sul sistema autobus in Italia in corso a Roma, l’Associazione nazionale del trasporto pubblico locale (Asstra) ha presentato i dati sull’andamento degli investimenti per il parco rotabile e lo stato della flotta dei bus. La situazione del parco mezzi è insostenibile. L'età media dei bus è di oltre 12 anni. Per invertire la tendenza è necessario un piano di investimenti per sostituire 4.200 autobus all’anno per 8 anni così da abbassare l’età media dei bus da 12,2 anni alla media europea di 7 anni, con un fabbisogno di risorse pubbliche di 552 milioni di euro all’anno per un investimento complessivo negli 8 anni di 9,2 miliardi di euro (60% cofinanziamento pubblico).

Sono oltre 40.000 gli autobus della flotta del trasporto pubblico locale in circolazione in Italia che ogni giorno fanno muovere nelle città e sul territorio circa 15 milioni di persone. Un servizio messo pericolosamente a rischio senza un piano di rinnovo dei mezzi in grado di sostituire, immediatamente, almeno l’8% della flotta , equivalente a 4000 autobus Euro 0 e Euro1, che ancora sono in servizio. Lo prevede una norma del decreto Madia sui servizi pubblici locali che vieta la circolazione di autobus Euro 0 e Euro 1 per i contratti di servizio stipulati successivamente al 31 dicembre 2017. Ma la situazione complessiva della flotta è da allarme rosso. L’età media degli autobus Italiani ha sorpassato i 12 anni (12,2 anni), il confronto con l’Europa è impressionante: Germania 6,9 anni; Francia 7,9; Regno Unito 7,7;  Spagna 8.  Un invecchiamento dei mezzi che si  rispecchia impietosamente  sulla ripartizione dei mezzi per classi di emissione: il 33% dei mezzi è al di sotto di Euro 3; gli Euro 3 sono il 27%, gli Euro 5 rappresentano il 24% , residuale il resto (euro 6, elettrico, ecc.)

Questi i dati che descrivono lo stato della flotta autobus in Italia oggi , come emerge dallo studio presentato dall’ASSTRA al  convegno sul sistema autobus che sta concludendo la seconda giornata dei lavori dopo che ad aprirlo era intervenuto, ieri, il ministro dei trasporti Graziano Delrio, che ha parlato di ricambio totale della flotta, dimostrando di avere ben chiara la situazione.

Lo studio dell’Asstra fotografa il percorso di discesa inesorabile dei finanziamenti pubblici che sta portando a spegnere i motori del sistema autobus del paese, un sistema che è lo scheletro portante del servizio di trasporto pubblico delle aree urbane e interurbane. Il trend del finanziamento pubblico per l’acquisto dei mezzi di trasporto è passato da 2.314 milioni di euro nel periodo 1997-2001 , a 352 milioni di euro per il periodo 2012-2016;  per gli anni 2017-2022 lo stanziamento di 790 milioni è solo sulla carta tenuto conto che supera la programmazione triennale del bilancio  dello stato.

Sorprendente è la proiezione tendenziale del piano di investimenti previsto dalla legge di stabilità 2016 sulla flotta degli autobus: lo scenario tendenziale (piano di 8 anni) degli investimenti stanziati ai sensi dell’art.1 c. 866 Legge Stabilità 2016 mostra l’inefficacia del piano per svecchiare i bus. Con tale piano, infatti,  nel 2022 l’età media degli autobus sarà di quasi 14 anni (13, 8).

Difficile portare fuori dalla crisi per invecchiamento il sistema autobus del paese e far ripartire anche l'industria nazionale dell'indotto TPL  senza fare i conti con la realtà. Per portare in 8 anni l’età media della flotta autobus dagli attuali 12,21 anni a 7,1 anni occorre sostituire, infatti, 4200 autobus vecchi con bus nuovi  ogni anno con un investimento annuale di 920 milioni di euro  di cui 552 a carico dello stato, per un valore complessivo di 9,2 miliardi di cui il 60%  coperto da risorse pubbliche

"Ci auguriamo che il ministro  Delrio sappia  indicare una strada alternativa agli scenari attuali per realizzare gli obiettivi assolutamente condivisibili che ha  detto di voler raggiungere per il settore", commenta il presidente di Asstra, Massimo Roncucci.

Torna alla lista