Dettaglio news

Controlli e ascolto a bordo, a Piombino i vertici aziendali affiancano il lavoro dei verificatori

Ascolto dell'utenza a bordo e controlli capillari anti evasione tariffaria. Questi gli obiettivi dell'iniziativa che oggi, mercoledì 10 agosto, ha visto il vice presidente di Tiemme, Marco Macchioni, salire sui bus in servizio a Piombino, assieme ad alcuni dipendenti di altri settori aziendali, ed affiancare il lavoro di quattro verificatori sulle linee urbane ed extraurbane in un'opera che vuole essere di maggiore sensibilizzazione sulla problematica, sia nei confronti dell'utenza che degli stessi dipendenti.

L'iniziativa rappresenta la prima di un ciclo che si estenderà, nelle prossime settimane, anche alle altri sedi operative di Tiemme nell'ottica di prevenire, in modo sempre più capillare, e quindi sensibilizzare circa il fenomeno dell'evasione ma anche fornire informazioni e risposte in tempo reale alle richieste di chiarimento o dubbi dei passeggeri a bordo, attraverso il coinvolgimento di dipendenti di altri settori interni.

“Abbiamo inaugurato a Piombino questa nuova modalità di salire a bordo della nostra flotta coinvolgendo anche i vertici aziendali e dipendenti solitamente impiegati in altri settori – commenta il vice Presidente di Tiemme Spa, Marco Macchioni – proprio perché vogliamo attivare una nuova forma di dialogo con la nostra utenza. I controlli per prevenire l'evasione tariffaria sono prioritari e fondamentali nell'economia dell'organizzazione dei nostri servizi sul territorio ma è altrettanto importante ascoltare i passeggeri e dare loro spiegazioni e risposte, come già facciamo attraverso i canali preposti quali l'Urp e il call center. Crediamo che questo tipo di iniziative, che saranno ripetute a campione, siano utili anche da un punto di vista sociale che in termini di sicurezza a bordo”.

Nella giornata odierna sono state effettuate verifiche a bordo delle linee urbane 1,2 e 3 di Piombino nonché su alcuni servizi extraurbani, durante i quali sono state forniti anche chiarimenti sulle tipologie di servizi svolti, informazioni utili sull'organizzazione della rete di trasporto, i canali di ascolto dell'azienda e i metodi alternativi per acquistare i titolo di viaggio o gli abbonamenti, ovvero l'sms per i servizi urbani oppure oppure la piattaforma online Ticco.

I controlli hanno portato ad elevare delle sanzioni ai soggetti non in regola mentre la maggioranza dell'utenza era in possesso del titolo di viaggio o dell'abbonamento. Alcuni utenti sono ricorsi alla possibilità di acquistare il biglietto a bordo, a tariffa maggiorata. Inoltre, nel caso di utenti che hanno denunciato l'impossibilità di fare il biglietto per problemi di natura economica, sono state fornite loro informazioni utili sulle modalità di accesso ad agevolazioni tariffarie previste.

Torna alla lista